Xagena Mappa
Tumore Mammella
OncoGinecologia
Tumore Ovaie

Criteri glicemici inferiori rispetto a criteri più elevati per la diagnosi del diabete gestazionale


Il trattamento del diabete gestazionale migliora la salute materna e infantile, sebbene i criteri diagnostici rimangano non ben definiti.

Sono state assegnate in modo casuale donne tra la settimana 24 e la settimana 32 di gestazione a essere valutate per il diabete gestazionale con l'uso di criteri glicemici inferiori o superiori per la diagnosi.
Il criterio glicemico inferiore era un livello di glucosio plasmatico a digiuno di almeno 92 mg per decilitro ( 5.1 o più mmol per litro ), un livello a 1 ora di almeno 180 mg per decilitro ( 10.0 o più mmol per litro ) o un livello a 2 ore di almeno 153 mg per decilitro ( 8.5 o più mmol per litro ).

Il criterio glicemico più elevato era un livello di glucosio plasmatico a digiuno di almeno 99 mg per decilitro ( 5.5 o più mmol per litro ) o un livello a 2 ore di almeno 162 mg per decilitro ( 9.0 o più mmol per litro ).

L'esito primario era la nascita di un bambino grande per l'età gestazionale ( definito come peso alla nascita superiore al 90° percentile secondo gli standard Fenton-World Health Organization ).
Gli esiti secondari erano la salute materna e infantile.

In totale 4.061 donne sono state sottoposte a randomizzazione. Il diabete gestazionale è stato diagnosticato in 310 donne su 2.022 ( 15.3% ) nel gruppo con criteri glicemici più bassi e in 124 donne su 2.039 ( 6.1% ) nel gruppo con criteri glicemici più elevati.

Tra i 2.019 bambini nati da donne nel gruppo con criteri glicemici più bassi, 178 ( 8.8% ) erano grandi per l'età gestazionale e tra i 2.031 bambini nati da donne nel gruppo con criteri glicemici più elevati, 181 ( 8.9% ) erano grandi per età gestazionale ( rischio relativo aggiustato, 0.98; P=0.82 ).

L'induzione del travaglio, l'uso dei Servizi sanitari, l'uso di agenti farmacologici e l'ipoglicemia neonatale erano più comuni nel gruppo con criteri glicemici inferiori rispetto al gruppo con criteri glicemici più elevati.
Per gli altri esiti secondari i risultati erano simili nei due gruppi di studio e non vi sono state differenze sostanziali tra i gruppi negli eventi avversi.

Tra le donne in entrambi i gruppi che avevano risultati del test glicemico compresi tra i criteri glicemici più bassi e quelli più alti, quelle che erano state trattate per il diabete gestazionale ( 195 donne ), rispetto a quelle che non lo erano state ( 178 donne ), hanno avuto benefici di salute materna e infantile, tra cui un minor numero di bambini in età gestazionale.

L'uso di criteri glicemici più bassi per la diagnosi di diabete gestazionale non ha comportato un rischio inferiore di avere un bambino grande per l'età gestazionale rispetto all'uso di criteri glicemici più elevati. ( Xagena2022 )

Crowther CA et al, N Engl J Med 2022; 387: 587-598

Endo2022 Gyne2022



Indietro