Tumore Mammella
OncoGinecologia
XagenaNewsletter
Tumore Ovaie

Integrazione di Vitamina-D in gravidanza e allattamento e crescita infantile


Non è chiaro se l'integrazione materna di Vitamina-D durante la gravidanza e l'allattamento migliori la crescita fetale e infantile nelle regioni in cui la carenza di vitamina D è comune.

È stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo in Bangladesh per valutare gli effetti dell'integrazione settimanale di Vitamina-D prenatale ( da 17 a 24 settimane di gestazione fino alla nascita ) e la supplementazione di Vitamina-D dopo il parto sull'esito primario dei punteggi z di lunghezza dei bambini in base all’età a 1 anno secondo gli standard di crescita dei bambini dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ( WHO ).

Un gruppo non ha ricevuto Vitamina-D prenatale e postpartum ( gruppo placebo ). Tre gruppi hanno ricevuto solo la supplementazione prenatale, a dosi di 4.200 UI ( gruppo prenatale 4.200 ), 16.800 UI ( gruppo prenatale 16.800 ) e 28.000 UI ( gruppo prenatale 28.000 ). Il quinto gruppo ha ricevuto una integrazione prenatale e 26 settimane di integrazione postpartum nella quantità di 28.000 UI ( gruppo prenatale e postpartum 28.000 ).

Tra 1.164 neonati valutati a 1 anno di età ( 89.5% di 1.300 gravidanze ), non ci sono state differenze significative tra i gruppi nei punteggi z medi di lunghezza per età.
I punteggi sono stati i seguenti: placebo, -0.93; prenatale 4.200, -1.11; prenatale 16.800, -0.97; prenatale 28.000, -1.06; e prenatale e postpartum 28.000, -0.94 ( P=0.23 per un test globale delle differenze tra i gruppi ).

Altre misure antropometriche, esiti della nascita e morbilità non differivano significativamente tra i gruppi.

La supplementazione di Vitamina-D ha avuto effetti attesi sulla concentrazione di 25-idrossivitamina D e calcio materna e infantile e sulle concentrazioni di calcio, sull'escrezione di calcio urinario materno e sulle concentrazioni di ormone paratiroideo materno.

Non ci sono state differenze significative nelle frequenze degli eventi avversi tra i gruppi, con l’eccezione di una possibile ipercalciuria tra le donne trattate con la dose più alta.

In conclusione, in una popolazione con carenza di vitamina D prenatale diffusa e restrizione di crescita fetale e infantile, l'integrazione materna di Vitamina-D da metà gravidanza fino alla nascita o fino a 6 mesi dopo il parto non ha migliorato la crescita fetale o infantile. ( Xagena2018 )

Roth DE et al, N Engl J Med 2018; 379: 535-546

Gyne2018 Pedia2018 Farma2018


Indietro