Tumore Ovaie
Tumore Mammella
Xagena Mappa
OncoGinecologia

La Nitroglicerina endovenosa aumenta il tasso di successo della versione cefalica esterna


I ricercatori dell’University of Calgary in Canada, hanno valutato se il trattamento con Nitroglicerina intravenosa per il rilassamento uterino fosse in grado di aumentare la probabilità di successo della versione cefalica esterna.

Sono stati condotti 2 studi clinici in doppio-cieco, randomizzati: uno in donne nullipare e uno in donne multipare.

Le donne che si presentavano per versione cefalica esterna al termine della gravidanza sono risultate idonee per partecipare allo studio.

L’esito primario era il successo immediato della versione cefalica esterna.
Altri esiti erano la presentazione al parto, il tasso di parto cesareo, e gli effetti collaterali e le complicanze.

In totale sono state reclutate 126 donne: 82 nello studio sulle nullipare e 44 in quello sulle multipare.

Sette pazienti non hanno avuto versione cefalica esterna prima del parto ma sono state incluse nell’analisi di successo della versione cefalica esterna.

Una paziente è stata persa nel corso del periodo osservazionale.

Il tasso di successo della versione cefalica esterna per le pazienti nullipare è stato pari al 24% ( 10 su 42 ) per le donne che avevano ricevuto Nitroglicerina rispetto all’8% ( 3 su 40 ) per quelle trattate con placebo ( P=0.04; test esatto di Fischer one-sided; odds ratio, OR=3.85 ).

Nelle pazienti multipare, il tasso di successo della versione cefalica esterna non ha mostrato differenze significative tra i gruppi: 44% ( 10 su 23 ) nel gruppo Nitroglicerina rispetto a 43% ( 9 su 21 ) nel gruppo placebo ( P=0.60 ).

In conclusione, il trattamento con Nitroglicerina per via endovenosa ha aumentato il tasso di successo della versione cefalica esterna nelle donne nullipare, ma non nelle multipare.
Il trattamento con Nitroglicerina endovenosa appare essere sicuro, ma il numero delle pazienti studiate è troppo basso per evidenziare gravi effetti avversi. ( Xagena2009 )

Hilton J et al, Obstet Gynecol 2009; 114: 560-567


Gyne2009 Farma2009


Indietro