Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Controllo glicemico ed esiti neonatali nelle gravidanze gemellari con diabete mellito gestazionale


Dati preliminari hanno indicato che uno stretto controllo glicemico nelle gravidanze gemellari con diabete mellito gestazionale potrebbe non migliorare gli esiti ma potrebbe aumentare il rischio di restrizione della crescita fetale.

È stata esaminata l'associazione tra controllo glicemico materno e rischio di complicanze correlate al diabete mellito gestazionale e neonato di piccole dimensioni per l'età gestazionale nelle gravidanze gemellari complicate da diabete mellito gestazionale.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo di tutte le pazienti con una gravidanza gemellare complicata da diabete mellito gestazionale in un unico Centro tra il 2011 e il 2020 e un gruppo di controllo abbinato di pazienti con una gravidanza gemellare senza diabete mellito gestazionale.

L'esposizione era il livello di controllo glicemico, descritto come la proporzione dei valori di glucosio a digiuno, postprandiali e complessivi all'interno del target.
Un buon controllo glicemico è stato definito come una proporzione di valori entro il target superiore al percentile 50.

Il primo esito coprimario era una variabile composita di morbilità neonatale, definita come almeno uno dei seguenti: peso alla nascita superiore al centile 90 per l'età gestazionale, ipoglicemia che richiedeva trattamento, ittero che richiedeva fototerapia, trauma alla nascita o ricovero in Unità di terapia intensiva neonatale ( UTIN ) a termine.

Un secondo esito coprimario era neonato piccolo per l’età gestazionale, definito come peso alla nascita inferiore al centile 10 o inferiore al centile 3 per l’età gestazionale.

Le associazioni tra il livello di controllo glicemico e i risultati dello studio sono state stimate utilizzando l'analisi di regressione logistica e sono state espresse come odds ratio aggiustato ( aOR ).

In totale 105 pazienti con diabete mellito gestazionale in una gravidanza gemellare hanno soddisfatto i criteri dello studio.

Il tasso complessivo dell'esito primario è stato del 32.4% ( 34/105 ) e la percentuale complessiva di gravidanze con un neonato piccolo per età gestazionale alla nascita è stata del 43.8% ( 46/105 ).

Un buon controllo glicemico non è stato associato a una riduzione del rischio di morbilità neonatale composita rispetto a un controllo glicemico subottimale ( 32.1% vs 32.7%; aOR= 2.06 ).

Tuttavia, un buon controllo glicemico è risultato associato a una maggiore probabilità di neonato piccolo per età gestazionale rispetto alle gravidanze con diabete mellito non-gestazionale, soprattutto nel sottogruppo di pazienti con diabete mellito gestazionale trattate con la dieta ( 65.5% vs 34.0%, rispettivamente; aOR=4.17 per neonato piccolo per età gestazionale inferiore a centile 10; e 24.1% vs 7.0%, rispettivamente; aOR=3.97 per neonato piccolo per età gestazionale inferiore a centile 3 ).

Per contro, il tasso di gravidanze con diabete mellito gestazionale con controllo subottimale non è risultato considerevolmente diverso rispetto alle gravidanze con diabete mellito non-gestazionale.

Inoltre, nei casi di diabete mellito gestazionale trattato con la dieta, un buon controllo glicemico è risultato associato a uno spostamento a sinistra della distribuzione dei centili del peso alla nascita, mentre la distribuzione dei centili del peso alla nascita tra le gravidanze con diabete mellito gestazionale con controllo non-ottimale è stata simile a quella delle gravidanze con diabete mellito non-gestazionale.

Nelle pazienti con diabete mellito gestazionale in una gravidanza gemellare, un buon controllo glicemico non è associato a una riduzione del rischio di complicanze correlate al diabete mellito gestazionale, ma può aumentare il rischio di un neonato piccolo per età gestazionale nel sottogruppo di pazienti con diabete mellito gestazionale lieve ( trattato con la dieta ).

Questi risultati hanno messo ulteriormente in dubbio se gli obiettivi glicemici del diabete mellito gestazionale utilizzati nelle gravidanze singole si applichino anche alle gravidanze gemellari e supportano la preoccupazione secondo cui l’applicazione degli stessi criteri diagnostici e obiettivi glicemici nelle gravidanze gemellari possa comportare una sovradiagnosi e un eccessivo trattamento del diabete mellito gestazionale e potenziali danni neonatali. ( Xagena2023 )

Berezowsky A et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 229: 682.e1-682e13

Gyne2023 Endo2023



Indietro