Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Tumore Ovaie
Xagena Mappa

Diabete mellito gestazionale ed esiti avversi materni e perinatali nelle gravidanze gemellari e singole


È stato valutato il rischio di complicanze materne e perinatali avverse tra gravidanze gemellari e singole affette da diabete mellito gestazionale e il rispettivo gruppo senza diabete mellito gestazionale ( controlli ).

È stata eseguita una ricerca bibliografica nel periodo 1980-2023. Sono stati inclusi studi osservazionali che riportavano esiti materni e perinatali in gravidanze singole e/o gemellari con diabete mellito gestazionale rispetto ai controlli.

È stata condotto una revisione sistematica e una meta-analisi. Sono stati generati rapporti di rischio stimati aggregati per determinare la probabilità di esiti avversi della gravidanza tra gravidanze gemellari e singole con e senza diabete mellito gestazionale.

L'eterogeneità tra gli studi è stata valutata nel modello ed espressa utilizzando la statistica I2. Un valore P inferiore a 0.05 è stato considerato statisticamente significativo. La meta-regressione è stata utilizzata per confrontare i rischi relativi tra gravidanze singole e gemellari. L’aggiunta di più covariate ai modelli è stata utilizzata per ovviare alla mancanza di aggiustamenti.

Complessivamente sono stati inclusi 85 studi su gravidanze singole e 27 su gravidanze gemellari.

Nelle gravidanze singole con diabete mellito gestazionale, rispetto ai controlli, vi era un aumento del rischio di disturbi ipertensivi della gravidanza ( rischio relativo, RR=1.85 ), induzione del travaglio ( RR=1.36 ), parto cesareo ( RR=1.31 ), neonato di grandi dimensioni per l'età gestazionale ( RR=1.61 ), parto pretermine ( RR=1.36 ) e ricovero in Unità di terapia intensiva neonatale ( UTIN ) ( RR=1.43 ).

Nelle gravidanze gemellari con diabete mellito gestazionale, rispetto ai controlli, vi era un aumento del rischio di disturbi ipertensivi della gravidanza ( RR=1.69 ), parto cesareo ( RR=1.10 ), neonati di grandi dimensioni per l'età gestazionale ( RR=1.29 ), nascita pretermine ( RR=1.19 ) e ricovero in terapia intensiva neonatale ( RR=1.20 ) e riduzione del rischio di neonato di piccole dimensioni per l'età gestazionale ( RR=0.89 ) e di morte neonatale ( RR=0.50 ).

Confrontando i rischi relativi nelle gravidanze singole e gemellari, c'erano prove sufficienti per suggerire che le gravidanze gemellari hanno un rischio relativo più basso di parto cesareo ( P=0.003 ), hanno un aggiustamento sufficiente per i fattori confondenti e hanno rischi relativi più bassi di ricovero in Unità di terapia intensiva neonatale ( P=0.005 ), nati morti ( P=0.002 ) e morte neonatale ( P=0.001 ) rispetto alle gravidanze singole.

Sia nelle gravidanze singole che in quelle gemellari, il diabete mellito gestazionale è stato associato a un aumento del rischio di esiti avversi materni e perinatali.

Nelle gravidanze gemellari, il diabete mellito gestazionale può avere un effetto più lieve su alcuni esiti perinatali avversi e può essere associato a un minore rischio di morte neonatale. ( Xagena2024 )

Greco E et al, Am J Obstet Gynecol 2024; 230: 213-225

Gyne2024 Endo2024



Indietro