Tumore Mammella
Xagena Mappa
OncoGinecologia
Tumore Ovaie

Effetto dell’integrazione di Vitamina-D ad alto dosaggio rispetto alla dose standard in gravidanza sulla mineralizzazione ossea nella prole fino all'età di 6 anni


Gli studi suggeriscono un'associazione tra lo stato materno di Vitamina-D durante la gravidanza e l'antropometria e la mineralizzazione ossea della prole, ma le indagini sono poche e con risultati contrastanti.

È stato studiato l'effetto di una dose elevata rispetto a una dose standard di integrazione di Vitamina-D in gravidanza sugli esiti antropometrici e ossei fino all'età di 6 anni nella prole.
È stata effettuata un'analisi prespecificata di uno studio clinico randomizzato in doppio cieco nella coorte madre-figlio Copenhagen Prospective Studies on Asthma in Childhood 2010, che ha riguardato 623 madri incinte e i loro 584 bambini.
I dati sono stati analizzati nel 2019.

È stata somministrata un’integrazione di Vitamina-D di 2.800 UI/die ( dose elevata ) vs 400 UI/die ( dose standard ) dalla settimana 24 di gravidanza fino a 1 settimana dopo la nascita.

Sono state fatte valutazioni antropometriche longitudinali tra cui lunghezza / altezza, peso e indice di massa corporea ( BMI ) fino all'età di 6 anni e contenuto minerale osseo ( BMC ) e densità minerale ossea ( BMD ) all'età di 3 anni e 6 anni da scansioni di assorbimetria radiografica a doppia energia.

All'età di 6 anni, 517 bambini ( 89% ) hanno completato il follow-up clinico. Tutti i partecipanti erano danesi e bianchi; 261 erano maschi e 256 femmine.

Un'analisi del modello a effetti misti dei risultati della scansione di assorbimetria radiografica a doppia energia a 3 anni e a 6 anni ha mostrato che i bambini nel gruppo Vitamina-D versus placebo avevano un contenuto minerale osseo corporeo più elevato: la differenza media aggiustata per età, sesso, altezza e peso era 11.5 g ( P=0.01 ); più alta differenza media aggiustata di contenuto minerale osseo dell'intero corpo senza la testa, pari a 7.5 g ( P=0.01 ); e più alta differenza media aggiustata di densità minerale ossea della testa, pari a 0.023 g/cm2 ( P=0.03 ).

L'effetto maggiore si è verificato nei bambini di madri con Vitamina-D insufficiente ( inferiore a 30 ng/ml; per convertire in nanomoli per litro, moltiplicare per 2.496 ) e tra i nati in inverno.

In un'analisi post hoc, è stata riscontrata una minore incidenza borderline di fratture nel gruppo Vitamina-D ( n=23 vs n=36; rate ratio di incidenza, 0.62; P=0.08 ), ma nessuna differenza in tutti gli esiti antropometrici.
L'aggiustamento per un intervento concomitante con Acidi grassi polinsaturi Omega-3 non ha modificato i risultati.

L'integrazione di Vitamina-D ad alte dosi in gravidanza ha migliorato la mineralizzazione ossea della prole fino all'età di 6 anni rispetto alla dose standard, suggerendo un aumento dell'assunzione gestazionale raccomandata, che può influenzare il picco di massa ossea, il rischio di fratture e il rischio di osteoporosi più avanti nella vita.
Non è stato trovato alcun effetto dell’integrazione sugli esiti antropometrici. ( Xagena2020 )

Brustad N et al, JAMA Pediatr 2020; 174: 419-427

Pedia2020 Gyne2020 Endo2020 Farma2020


Indietro