Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Esposizione alla Cannabis ed esiti avversi della gravidanza legati alla funzione placentare


Il consumo di Cannabis è in aumento tra gli individui in età riproduttiva e i rischi associati all’esposizione alla Cannabis durante la gravidanza rimangono incerti.

È stata valutata l'associazione tra l'uso materno di Cannabis e gli esiti avversi della gravidanza noti per essere correlati alla funzione placentare.
È stata effettuata un’analisi accessoria di individui nullipari trattati in 8 centri medici statunitensi con campioni di urina conservati e dati sugli esiti della gravidanza disponibili.

Le partecipanti alla coorte Nulliparous Pregnancy Outcomes Study: Monitoring Mothers-to-Be sono state reclutate dal 2010 al 2013; i test e le analisi sulle droghe per questo progetto accessorio sono stati completati nel periodo 2020-2023.

L'esposizione alla Cannabis è stata accertata mediante saggio immunologico delle urine per THC-COOH ( 11-nor-9-carbossi-delta-9-tetraidrocannabinolo ) utilizzando campioni di urina congelati conservati provenienti da visite di studio durante le finestre di età gestazionale della gravidanza da 6 settimane e 0 giorni a 13 settimane e 6 giorni ( visita 1 ); da 16 settimane e 0 giorni a 21 settimane e 6 giorni ( visita 2 ); e da 22 settimane e 0 giorni a 29 settimane e 6 giorni ( visita 3 ).

I risultati positivi sono stati confermati con cromatografia liquida e spettrometria di massa tandem.
Il momento dell'esposizione alla Cannabis è stato definito solo durante il primo trimestre o come esposizione continuativa oltre il primo trimestre.

L'esito composito primario dicotomico comprendeva nascita di neonato piccolo per l'età gestazionale, nascita pretermine indicata dal punto di vista medico, nascita di feto morto o disturbi ipertensivi della gravidanza accertati mediante dati della cartella clinica esaminati da parte del personale di ricerca perinatale addestrato con valutazione degli esiti da parte degli investigatori del centro.

Delle 10.038 partecipanti, 9.257 erano idonee per questa analisi. Delle 610 partecipanti ( 6.6% ) che facevano uso di Cannabis, il 32.4% ( n=197 ) ha avuto un'esposizione alla Cannabis solo durante il primo trimestre e il 67.6% ( n=413 ) ha avuto un'esposizione continuativa oltre il primo trimestre.

L'esposizione alla Cannabis è stata associata all'esito composito primario ( 25.9% nel gruppo esposto alla Cannabis versus 17.4% nel gruppo senza esposizione; rischio relativo aggiustato, 1.27 ) nelle analisi ponderate con il punteggio di propensione dopo l'aggiustamento per caratteristiche sociodemografiche, indice di massa corporea, comorbilità mediche e uso attivo di Nicotina accertati tramite test della cotinina nelle urine.

In un modello di esposizione alla Cannabis a 3 categorie ( nessuna esposizione, esposizione solo durante il primo trimestre o esposizione continua ), l’uso di Cannabis solo durante il primo trimestre non è risultato associato all’esito composito primario; tuttavia, l'uso continuativo di Cannabis è stato associato all'esito composito primario ( rischio relativo aggiustato, 1.32 ).

In questa coorte multicentrica, l'uso materno di Cannabis accertato mediante campionamento biologico è risultato associato a esiti avversi della gravidanza legati alla disfunzione placentare. ( Xagena2023 )

Metz TD et al, JAMA 2023; 330: 2191-2199

Gyne2023 Psyche2023



Indietro