Vulvodinia
Vulvodinia - Graziottin
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Idroclorotiazide combinato e Lisinopril versus Nifedipina per l'ipertensione postpartum


Gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina e i diuretici possono essere sottoutilizzati per l'ipertensione postpartum a causa della loro teratogenicità durante la gravidanza.

Si è valutato se la terapia combinata di Idroclorotiazide e Lisinopril, per via orale, producesse un controllo superiore della pressione arteriosa a breve termine rispetto alla Nifedipina tra le pazienti postpartum con ipertensione che richiedevano un trattamento farmacologico.

È stato eseguito uno studio pilota randomizzato controllato ( periodo 2021-2022 ) che includeva individui con ipertensione cronica o disturbi ipertensivi della gravidanza con due misurazioni della pressione arteriosa sistolica maggiori o uguali a 150 mm Hg e/o misurazioni della pressione arteriosa diastolica maggiori o uguali a 100 mm Hg entro 72 ore dopo il parto.

Le partecipanti sono state randomizzate a ricevere la terapia combinata di Idroclorotiazide e Lisinopril o la terapia con Nifedipina dopo aver stratificato le pazienti per diagnosi ( ipertensione cronica versus disturbi ipertensivi della gravidanza ).

L'esito primario era l'ipertensione di stadio 2 ( pressione arteriosa sistolica maggiore o uguale a 140 mm Hg e/o pressione arteriosa diastolica maggiore o uguale a 90 mm Hg ) determinata utilizzando un monitoraggio della pressione arteriosa domiciliare nei giorni da 7 a 10 dopo il parto o alla riammissione in ospedale per il controllo della pressione arteriosa.
Gli esiti secondari includevano grave morbilità materna ( uno dei seguenti: ricovero in terapia intensiva; emolisi, enzimi epatici elevati, sindrome da basso numero di piastrine; eclampsia; ictus; cardiomiopatia; o morte materna ), necessità di farmaci per via endovenosa dopo la randomizzazione, durata della degenza in ospedale, pressione sanguigna durante la prima visita clinica, compliance al trattamento ed eventi avversi.

È stato pianificato uno studio pilota con 70 individui dati i limitati dati disponibili sull'uso combinato di Idroclorotiazide e terapia con Lisinopril nell'assistenza postpartum.

Delle 111 persone idonee, 70 ( 63% ) sono state randomizzate ( 31 nel gruppo Idroclorotiazide e Lisinopril e 36 nel gruppo Nifedipina; 3 hanno ritirato il consenso dopo la randomizzazione ) e le caratteristiche sono state simili al basale tra i gruppi.
L'esito primario non era disponibile per 9 partecipanti ( 12.8% ).

L'esito primario si è verificato nel 27% delle partecipanti nel gruppo Idroclorotiazide e Lisinopril e nel 43% delle partecipanti nel gruppo Nifedipina ( rischio relativo aggiustato a posteriori, 0.74 ).

L'analisi bayesiana ha indicato una probabilità a posteriori dell'85% di una riduzione dell'esito primario con la terapia combinata di Idroclorotiazide e Lisinopril rispetto al trattamento con Nifedipina.

Non sono state notate differenze negli esiti secondari o negli eventi avversi terapeutici.

I risultati dello studio pilota hanno indicato un'alta probabilità che la terapia combinata con Idroclorotiazide e Lisinopril produca un controllo della pressione arteriosa a breve termine superiore rispetto alla Nifedipina.
Questi risultati dovrebbero essere confermati in uno studio più ampio. ( Xagena2023 )

Fishel Bartal M et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 228: 571.e1-571.e10

Gyne2023 Cardio2023 Farma2023



Indietro