Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Stratificazione del rischio di tromboembolia venosa postoperatoria nelle pazienti con tumore uterino


I tumori uterini sono associati a un alto rischio di tromboembolia venosa. Le lineeguida pratiche dell'ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) raccomandano che tutte le pazienti sottoposte a chirurgia pelvica per tumore debbano ricevere una tromboprofilassi farmacologica prolungata con una durata dipendente dal rischio.

Tuttavia, la stratificazione del rischio per le pazienti con tumore uterino non è chiaramente definita.
Il punteggio Caprini è il modello di valutazione del rischio più utilizzato, ma è stato riscontrato che ha un uso limitato nella popolazione oncologica ginecologica.
Un punteggio Caprini modificato è stato esplorato in altre popolazioni.
Il punteggio Khorana è un ulteriore modello di valutazione del rischio che non è stato studiato in questo contesto.

È stata valutata la capacità di un modello Caprini modificato e del punteggio Khorana di stratificare il rischio di pazienti con tumore uterino per tromboembolismo venoso postoperatorio entro 90 giorni dall'intervento.

Dopo l'approvazione del Comitato di revisione istituzionale, è stato condotto uno studio di coorte retrospettivo e sono state incluse tutte le pazienti con cancro uterino sottoposte a isterectomia per un periodo di 4 anni.
Per ogni paziente sono stati calcolati i punteggi Caprini e Khorana.

Il cutoff del punteggio Caprini per il rischio più elevato è stato valutato a 7 e superiore, 8 e superiore e 9 e superiore ( Caprini modificato ) e il cutoff del punteggio Khorana è stato valutato a 2 e superiore e 3 e superiore.

Per determinare l'uso prognostico di ciascun punteggio e altri criteri clinico-patologici relativi allo sviluppo di un tromboembolismo venoso, sono state eseguite analisi univariate utilizzando test t indipendenti, test chi-quadrato o test esatti di Fisher; è stata eseguita un'analisi multivariata utilizzando la regressione logistica.

Sono state incluse in totale 954 pazienti. Il tasso di sviluppo di tromboembolismo venoso è stato dell'1.7% ( 16/954 ).
Un approccio chirurgico minimamente invasivo è stato utilizzato nel 90.5% delle pazienti ( 863/954 ).

Il punteggio Caprini medio per le pazienti con tromboembolia venosa è stato 10.3 rispetto a 8.1 per le pazienti senza tromboembolia venosa ( P minore di 0.0001 ).
Il punteggio Khorana medio per il gruppo di tromboembolismo venoso è stato 2.4 versus 1.9 per le pazienti senza ( P=0.03 ).

Entrambi i punteggi Caprini e Khorana sono risultati associati a tromboembolie venose, ma solo un punteggio Caprini con un cutoff uguale o superiore a 8 o uguale o superiore a 9 è risultato statisticamente significativo ( risk ratio, RR=31.25; RR=4.59, rispettivamente ).

Del sottogruppo minimamente invasivo, l'11.7% delle pazienti ( 101/863 ) è stato dimesso in giornata senza tromboprofilassi postoperatoria; nessuna di queste pazienti ha sviluppato tromboembolie venose.

Nonostante la profilassi estesa tra le pazienti sottoposte a laparotomia ( 30 giorni ), il tasso di tromboembolie venose è stato più di 3 volte quello del gruppo minimamente invasivo ( 5.49% vs 1.7% ).

Lo studio ha indicato che l'utilizzo di un punteggio Caprini modificato potrebbe aiutare a identificare le pazienti a più alto rischio che trarrebbero beneficio da una prolungata tromboprofilassi, potrebbe ridurre l'incidenza di tromboembolie venose postoperatorie e potrebbe ridurre al minimo il costo e il danno di un trattamento eccessivo.

Questi risultati devono essere convalidati in modo prospettico e sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la durata ottimale della terapia. ( Xagena2023 )

Wagner VM et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 228: 555.e1-555.e8

Gyne2023 Onco2023 Emo2023



Indietro